DIRITTO INTERNAZIONALE (parte II)

Trattamento degli Stati stranieri

Il trattamento riservato allo Stato straniero da parte degli Stati territoriali, soprattutto riguardo alla cosiddetta immunità dalla giurisdizione civile dell’entità statale straniera rispetto ad altri Stati. La teoria che ha preso piede in dottrina è quella dell’immunità assoluta di cui gode uno Stato straniero dalla giurisdizione di qualsiasi altro Stato, nonostante fonti giurisprudenziali italo-belghe abbiamo avanzato una teoria che inquadrerebbe la divisione degli atti che uno Stato compie in atti jure imperii e atti jure gestiones, facendo ricadere un’immunità ristretta soltanto sugli atti che lo Stato compie nello svolgimento delle sue funzioni (pubbliche), ossia gli atti jure imperii. Al riguardo è citabile una Convenzione delle Nazioni Unite datata 2004 adottata dall’Assemblea generale e aperta alla firma degli Stati (nessuno Stato aveva ratificato ancora nel 2005). In tale Convenzione si pone come regola generale, di fondo, quella dell’immunità assoluta dalla giurisdizione civile, ponendo come eccezioni quelle in cui si applicherebbe l’immunità ristretta, ovvero:

  • Transazioni commerciali
  • Danni causati a persone o cose
  • Proprietà possesso e altri diritti reali

 

 

Le organizzazioni internazionali

Le Organizzazioni Internazionali sono entrate a far parte della comunità internazionale in tempi relativamente recenti. Le prime organizzazioni erano create per scopi specifici e limitati (Unione Postale Universale creata nel 1875, Unione per la protezione della proprietà industriale nel 1883 etc.). Il primo tentativo per dare un ordinamento unitario alla comunità internazionale fu la creazione, nel 1919, della Società delle Nazioni (SDN), fortemente voluta dal presidente statunitense Woodrow Wilson, che aveva cercato anche di far entrare nel diritto internazionale una serie di importanti principi, solo in parte accettati dalle nazioni europee: innanzitutto il pacifismo e l’autodeterminazione dei popoli (i “quattordici punti”).

La Società aveva poteri molto deboli: come se non bastasse gli stessi Stati Uniti non entrarono a farne parte per l’opposizione del Congresso. Nel 1945, l’Organizzazione delle Nazioni Unite (ONU) prese il posto della SDN. L’ispiratore del progetto era di nuovo un presidente statunitense, Franklin Delano Roosevelt, che morì prima della nascita dell’ONU ma che vide le sue idee portate avanti dai suoi ex collaboratori. L’ONU aveva ed ha grossi limiti, in buona parte legati al sistema dei veti: per molti anni il sistema di sicurezza collettiva disegnato dalla sua Carta restò paralizzato a causa della guerra fredda, ma in ogni caso la sua nascita ha segnato un passo in avanti importante. Lo Statuto delle Nazioni Unite prevedeva inoltre il divieto dell’uso della forza a livello internazionale, a differenza di quello della SDN.

 

Gli individui

A seguito del tribunale di Norimberga e di Tokyo, istituiti dalle potenze vincitrici della seconda guerra mondiale per perseguire le gravi violazioni della dignità umana durante la guerra, i singoli soggetti sembrano sempre più essere portatori di diritti, dunque soggetti autonomi del DI. Se prima della seconda guerra mondiale erano gli stati che con delle convenzioni si impegnavano a tutelare dei diritti in capo agli individui (che rimanevano l’oggetto della convenzione) in tempi recenti si sta affermando la prassi di considerare gli individui come soggetti che godono di diritti e gli stati come soggetti passivi di obblighi. A fronte di tali diritti vi è la formazione della possibilità di appellarsi a corti internazionali deputate alla loro tutela.

Ci si ritrova anche nel diritto internazionale dunque a parlare di diritto soggettivo degli individui e di diritto d’azione degli individui.

 

Diritto soggettivo

Come diritto individuale si intende la capacità dei soggetti di essere portatori di diritti. La formazione di consuetudini e di obblighi di origine pattizia che pongono gli stati nel dovere di riconoscere e rispettare alcuni diritti per propri cittadini, indipendentemente dalle regole interne proprie di ogni ordinamento, è marcata da alcune tappe fondamentali

  • 1945 Tokyo, Norimberga
  • 1993 corte per i crimini in Ex Jugoslavia (istituita dal Consiglio di Sicurezza ONU)
  • 1994 corte per i crimini in Ruanda (istituita dal Consiglio di Sicurezza ONU)
  • 1998 (in vigore dal 2002) Corte Penale Internazionale (con sede all’Aia).

 

Diritto d’Azione

È la possibilità di appellarsi ad una corte o più in generale di poter reclamare la tutela di un diritto.

 

Caratteristiche del diritto internazionale pubblico

Funzioni

Si tende a differenziare tre tipi di funzione nell’ambito del diritto internazionale: una funzione normativa, una di accertamento del diritto ed infine un’altra di attuazione coattiva delle norme. La prima riguarda le fonti del diritto internazionale e le varie forme che può assumere, da diritto generico, rivolto a tutti gli Stati, a particolare rivolto soltanto ad una cerchia ristretta.

L’accertamento del diritto è essenzialmente di tipo arbitrale, sebbene non manchino esperienze più istituzionalizzate sorte con Trattati. Ne deriva che la possibilità di instaurare un contenzioso è di derivazione sostanzialmente pattizia, enorme differenza col diritto interno visto che in questo caso la competenza del giudice discende esclusivamente dalla legge.

L’attuazione coattiva delle norme è una delle note dolenti del diritto internazionale, ricadendo quasi esclusivamente nell’autotutela: anche in questo caso il diritto internazionale si distingue da moltissimi diritti interni, prevedendo questa forma coercitiva soltanto in casi eccezionali.

Per il suo carattere anarchico, la sua poca incidenza giuridica e obbligatorietà, è stato spesso negato carattere giuridico al diritto internazionale: in particolare si farebbe ricadere l’efficacia di quest’ultimo soltanto alla necessità della cooperazione degli operatori di diritto interno per la sua applicazione e all’autolimitazione dello Stato.

 

Le fonti

  • Consuetudine: comportamento costantemente e uniformemente ripetuto nel tempo, nella convinzione della sua obbligatorietà. Per aversi una consuetudine è necessaria la presenza di due requisiti fondamentali: – “diuturnitas” (prassi) ovvero il protrarsi nel tempo di un determinato comportamento; – “opinio iuris sive necessitatis” ovvero la convinzione da parte degli Stati della giuridica obbligatorietà di un determinato comportamento.
  • Accordi.
  • Fonti previste da accordo: atti di un’organizzazione internazionale, ad esempio le Direttive e i Regolamenti della Comunità Europea o le risoluzioni del Consiglio di Sicurezza dell’ONU, alcuni dei quali sono atti di soft law.

 

La gerarchia giuridica delle fonti internazionali non è sempre rigida, potendo accadere che una norma di tipo superiore possa essere derogata da una di rango inferiore.

 

I contenuti

  • Il cosiddetto diritto consuetudinario cogente, detto anche ius cogens
  • Le altre consuetudini internazionali, tra le quali si segnala in particolare la consuetudine “pacta sunt servanda”
  • Gli accordi “universali”, fra i quali le dichiarazioni internazionali dei diritti
  • Gli accordi “regionali”
  • Gli accordi “bi- e multilaterali”
  • Le norme internazionali prodotte dalle Organizzazioni internazionali in applicazione del proprio Statuto o comunque di un accordo di delega degli Stati parte.

L’adattamento del diritto interno al diritto internazionale pubblico

  • L’adattamento automatico: si verifica allorché l’ordinamento interno di uno Stato effettua un rinvio mobile al diritto internazionale. In tal caso al mutare della norma di diritto internazionale muta anche l’ordinamento interno in misura corrispondente. Esempio di adattamento automatico è quello previsto dall’art. 10 della Costituzione italiana che rinvia a tutte le consuetudini di diritto internazionale.
  • L’adattamento a mezzo di recepimento integrale
  • L’adattamento a mezzo di ordine di esecuzione

 

Esistono in materia due procedimenti di adattamento: quello ordinario e quello speciale. L’ordinario prevede una riformulazione della norma internazionale mentre quello speciale un rimando alla stessa. Il ruolo dell’interprete differenzia ancora di più le due procedure ed è molto diverso a seconda del procedimento adottato: mentre nel primo egli si troverà di fronte ad una norma che è del tutto simile alle altre norme dell’ordinamento statale nel secondo egli dovrà formulare una ricostruzione della norma internazionale e stabilire se la norma è ancora in vigore sul piano internazionale.

 

La funzione giurisdizionale internazionale

  • L’arbitrato fra Stati
  • L’arbitrato commerciale internazionale
  • I tribunali internazionali
  • In particolare: la Corte Penale Internazionale e la Corte Europea dei Diritti dell’Uomo
  • Il ruolo del giudice interno nell’applicazione del diritto internazionale.

 

La corte internazionale di giustizia è uno degli organi principali dell’ONU. Essa opera secondo due procedimenti: quello in sede contenziosa e quello in sede consultiva. La prima prevede la risoluzione di una controversia sorta tra due o più stati mentre la seconda lì emanazione di un parere su qualsiasi questione giuridica. Possono adire la corte per quanto riguarda la sede contenziosa solo gli stati mentre in sede consultiva le organizzazioni internazionali.

 

Gli ultimi sviluppi

Gli sviluppi recenti del diritto internazionale, in particolare in materia di protezione dei diritti umani, hanno fatto ritenere ad alcuni studiosi che si stia lentamente affermando una soggettività giuridica internazionale degli individui, in rottura con i dettami del diritto internazionale classico.

Mentre tradizionalmente la responsabilità internazionale è collettiva (diretta contro lo Stato nel suo complesso) la fine della seconda guerra mondiale ha visto con il Processo di Norimberga per la prima volta individui che avevano ricoperto alti incarichi governativi venire chiamati a rispondere personalmente dei crimini commessi in nome del loro Stato contro altri popoli davanti a un tribunale internazionale. Con tutti i suoi limiti, Norimberga creò un precedente importante in materia di tutela dei diritti umani a livello mondiale, con la creazione della nozione di crimine contro l’umanità: si afferma l’idea che esistono valori che gli Stati non possono violare coprendosi sotto il mantello della sovranità e dell’indipendenza.

Lo Statuto della Corte penale internazionale, recentemente entrato in vigore (ma non ratificato da numerosi Stati, tra cui gli Stati Uniti) fa rientrare nella nozione di crimine internazionale il genocidio, i crimini contro l’umanità (nella definizione rientrano praticamente qualsiasi grave delitto commesso su larga scala e in modo sistematico e la pratica dell’apartheid), i crimini di guerra previsti dal Diritto internazionale umanitario e la guerra di aggressione.

Alcuni trattati internazionali, come quello della Corte europea dei diritti dell’uomo prevedono poi la possibilità degli individui di rivolgersi autonomamente a organismi internazionali per far rispettare i propri diritti, senza la mediazione degli Stati.

 

Violazioni del diritto internazionale

La violazione di norme di diritto internazionale è fonte di responsabilità degli Stati e degli altri soggetti del diritto internazionale. Nel caso Germania contro Italia, questa violazione è stata consapevolmente assunta dallo Stato italiano: ciò è avvenuto con la sentenza n. 238 del 2014, in cui la Corte costituzionale italiana ha dichiarato la prevalenza dei principi supremi dell’ordinamento giuridico italiano, rispetto all’adempimento della sentenza della Corte internazionale di giustizia sull’immunità dalla giurisdizione internazionale dello Stato estero.

 

fonte: WIKIPEDIA

 

symbols of power

Commenti chiusi